commerciale@pelletmyfire.it | Area riservata  

Cos’è il Pellet

Il pellet è prodotto coi residui di lavorazione del legno. È al 100% naturale, è rinnovabile e non causa emissioni nocive per l’ambiente.

Il pellet di legno è un combustibile densificato, di forma cilindrica, derivante da un processo industriale attraverso il quale la materia prima, principalmente trucioli, segatura e altri scarti di segheria, con contenuto idrico (w) compreso fra l’11 e il 14%, viene trasformata in piccoli cilindri con diametro variabile da 6 a 8 mm e lunghezza di 10-30 mm.

Scarica la Brochure MyFire®, la Guida Che Cosa è il Pellet e la Guida Riconoscere il Pellet Certificato!

 

Pellet cos'è

Manifesto Pellet MyFire®

Wood Pellet

Brochure Pellet MyFire®

Pellet Certificato EN plus A1

Riconoscere il Pellet Certificato

 

Come si produce il Pellet?

Il materiale sciolto viene immesso nella cavità di pellettatura, un pressore rotante forza il materiale attraverso gli stampi forati, comprimendolo in pellet. A questo punto dei coltelli tagliano il combustibile della lunghezza desiderata. Nel corso di questa fase si raggiungono elevate temperature che determinano il parziale ammollimento dei costituenti della matrice legnosa, in modo specifico della lignina, che fondendosi funge da collante naturale. La successiva fase è quella di raffreddamento; il pellet viene, infatti, estruso dalla pellettizzatrice ad una temperatura superiore a 90°C. Con il raffreddamento avviene un’ulteriore essiccazione del combustibile e la separazione delle parti fini, risultando quindi indispensabile per stabilizzare e formare i piccoli cilindri. Quindi le fasi principali sono:

  • Pre-trattamento della materia prima al fine di renderla omogenea in termini di granulometria ed umidità. Tale fase consiste, a sua volta, in una serie di operazioni quali: raffinamento, essiccazione, condizionamento e separazione dei metalli;
  • Pressatura degli scarti legnosi all’interno di matrici forate dette trafile;
  • Raffreddamento del pellet;
  • Separazione delle parti fini;
  • imballaggio e immagazzinamento.

L’importanza della qualità del combustibile Pellet

Il mercato del pellet assume degli elementi di diversificazione sia in termini di caratteristiche del prodotto che dei sistemi di utilizzazione. In questo contesto è quindi importante creare un sistema di standardizzazione del pellet allo scopo di definire un riferimento valido sia per i produttori, sia per i costruttori di impianti termici che per i consumatori finali.

Come funziona la stufa a pellet?

La stufa a pellet è una delle più importanti invenzioni nel campo della combustione della legna degli ultimi 20 anni (i primi brevetti risalgono all’inizio degli anni ’90). Ha, infatti, permesso di convertire un sistema di combustione manuale a uno completamente automatico.

Il funzionamento è piuttosto semplice:

  • Dal serbatoio, con capacità da 15 a 30 kg a seconda dei modelli, il pellet viene portato, in quantità precisa, all’interno del braciere mediante un dosatore (coclea o altro sistema equivalente).
  • Mediante un ventilatore aspiratore fumi, l’aria (il comburente) entra nella camera di combustione passando per il braciere fornendo la quantità di ossigeno necessaria al processo di combustione.
  • Il fumo (prodotto della combustione) passa attraverso uno scambiatore di calore cedendo il calore al fluido vettore che si riscalda. Lo scambiatore può essere aria come nella figura o ad acqua.
  • Ulteriore fondamentale automatismo di tali stufe è l’accensione automatica che avviene attraverso una resistenza elettrica, per cui è sufficiente pigiare un “bottone” per accendere la stufa.
  • La cenere prodotta dalla combustione viene raccolta in un cassetto al di sotto del braciere, ed è sufficiente svuotarlo dopo alcuni giorni di funzionamento.
  • Il controllo della combustione e della distribuzione del calore avviene attraverso una scheda elettronica che gestisce la stufa e ha una semplice interfaccia con l’utilizzatore.

Il vantaggio nell’utilizzo di una stufa a pellet è quindi dato dalla possibilità di avere un sistema completamente automatico che permette alti rendimenti (oltre il 90%) e combustione ottimale del pellet. La presenza del sistema automatico di accensione e della scheda elettronica permette di avere una semplice gestione della stufa potendo programmare accensione e spegnimento e regolare la temperatura ambiente. Le stufe a pellet ad aria oltre a riscaldare l’ambiente in cui sono installate possono, mediante una semplice canalizzazione dell’aria calda, riscaldare anche le stanze vicine. Nei modelli con fluido vettore acqua si può collegare la stufa all’impianto di riscaldamento di casa.