commerciale@pelletmyfire.it | Area riservata  

C’è la crisi, tornano le stufe : +15% importazione legna da ardere

Pubblicato il da in Pellet, Stufe a Pellet

Stufe a Pellet

L’Italia è il primo importatore mondiale di legna da ardere: 3,5 milioni di tonnellate nel 2013.

La crisi economica e l’aumento dei prezzi dei combustibili stanno facendo riscoprire stufe e camini a legna. Rispetto al 2012, le importazioni di legna da ardere sono infatti aumentate del 15%, rende noto un’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi ai primi sette mesi dell’anno.

PRIMO PAESE IMPORTATORE – In Italia le stufe e i camini sono 6 milioni, che vengono alimentati con 3,5 milioni di tonnellate di legna da ardere importata, facendo della Penisola il primo importatore mondiale di legna da ardere, stima la Coldiretti. Bruciare la legna è diventato non solo vantaggioso dal punto di vista economico, ma anche sostenibile da quello ambientale specie se si considerano le stufe a pellet.

RISORSA POCO UTILIZZATA – Sul territorio nazionale sono infatti presenti 10,4 milioni di ettari di superficie forestale, area che negli ultimi vent’anni è aumentata del 20%. Di questo viene utilizzato meno del 15% della ricrescita annuale a fronte di un 65% della Germania. «Con una più corretta gestione delle foreste possono essere prelevate quasi senza alterarne la sostenibilità, 23,7 milioni di tonnellate all’anno di legna, che potrebbe ridurre i consumi di petrolio di 5,4 milioni di tonnellate», conclude l’analisi della Coldiretti.

CENTRALI A BIOMASSA – La risorsa è importante, tanto che in Italia stanno spuntando come funghi le centrali a biomassa, che utilizzano varie risorse agricole di scarto e non solo legna. Lo scorso 3 settembre, per esempio, la giunta regionale del Veneto ha dato il via alla realizzazione di una centrale termoelettrica a biomasse solide da 12,5 megawatt a Porto Viro (Rovigo), nella struttura di un ex zuccherificio dismesso. Stessa situazione nell’ex zuccherificio di Casei Gerola, nel Pavese. Nella valle di Pejo (Trento) c’è una centrale a biomassa che si alimenta con il cippato da sottobosco, scarti della coltivazione delle mele e di segherie.

http://www.corriere.it/ambiente/13_novembre_22/c-crisi-tornano-stufe-15percento-importazione-legna-ardere-cc03c22c-537c-11e3-91e0-82492dd09bca.shtml